Rifugio

PASSO DELLE RADICI

Nascita del rifugio U.O.E.I. al Passo delle Radici

 Nei primi anni sessanta, l’On. Leonetto Amadei, sottosegretario agli Interni, fece avere alla sezione un contributo di 500.000 lire, finalizzato alla realizzazione di un rifugio sull’Alpe di Pruno, dove la sezione aveva acquistato una casetta di pastori, ridotta a rudere.

Poiché in quel periodo, mentre i soci amanti della montagna, andavano lentamente calando, aumentavano gli appassionati dello sci, per i quali già la sezione organizzava gare al Passo di Sella, alcuni consiglieri ebbero l’idea di investire tale contributo in un rifugio sulle nevi del Passo delle Radici.

Decisione sofferta, con due distinte correnti di pensiero pro e contro, che sfociò in una votazione il cui esito a favore fu determinato dal voto dell’allora Presidente Giuseppe Martinelli, che intravide nello sci il futuro della sezione.

Iniziò così l’avventura del Passo delle Radici.

Concessione Demaniale del terreno, disboscamento dell’area concessaci, acquisto del prefabbricato Morteo, posa in opera, per la quale fu determinante la disponibilità ai lavori di parecchi Soci, con sacrificio di ferie e festività, sostenendo personalmente le spese di trasferta con i propri mezzi.

Finalmente, nel 1971, alla presenza delle autorità civili, militari, religiose e nazionali della U.O.E.I., il rifugio fu ufficialmente inaugurato.

I soci aumentarono sensibilmente e il Passo delle Radici si trasformò in una vera stazione sciistica, grazie al rifugio e al socio Pelletti Giorgio che nel frattempo aveva dotato la zona di un impianto di risalita.

Lungimirante ed indovinata fu la scelta del Passo delle Radici..

Da allora il rifugio è stato più volte ristrutturato, grazie alla continua disponibilità dei soci e agli sponsor, principalmente alla Banca di Credito Cooperativo della Versilia e Lunigiana, che non ha mai fatto mancare il suo aiuto fin dai primi lavori ed alla quale va il nostro ringraziamento.

Oggi il rifugio è utilizzato principalmente nel periodo estivo come casa per ferie, nel periodo invernale per brevi soggiorni nei fine settimana e durante le festività di fine anno e di Pasqua, o come base di appoggio per le gite scolastiche della Versilia.

Auguriamoci che la neve torni e gli impianti di risalita siano rinnovati, affinché possiamo tornare a godere in pieno di questo nostro rifugio.

Il rifugio, raggiungibile in auto, è ubicato al Passo delle Radici, m. 1529, sull'Appennino Tosco Emiliano, in comune di Castiglione di Garfagnana, provincia di Lucca.

E' allacciato alla rete di energia elettrica, ha un'impianto di riscaldamento a gasolio e acqua corrente calda e fredda; E' dotato di due camerette per complessivi n. 15 posti letto a castello; due servizi igienici, dei quali uno con una piccola doccia, una sala da pranzo, un tinello con caminetto e un angolo cucina attrezzato con lavello, due piani cotttura (otto fuochi totali) e frigorifero.

 

L'utilizzo del Rifugio è riservato ai Soci U.O.E.I. ,

ai quali viene concesso in auto-gestione.

(Vedi Contributo Manutenzione) 

 

Si ricorda con piacere che, il giorno dell'inaugurazione,

12 Settembre 1971, si è qui ufficialmente costituita la

Sezione U.O.E.I. di Torre del Lago Puccini.