L’associazione nasce, a livello nazionale, nel 1911 a Monza, per opera di Ettore Boschi, il quale voleva "distogliere gli operai dalle bettole", dove si ritrovavano dopo il lavoro per dedicarsi al gioco e all’alcool. Il primo motto dell’associazione fu, infatti, "per il monte contro l’alcool".

Gli obiettivi che si poneva l’U.O.E.I. al momento della fondazione, erano prevalentemente rivolti ad un recupero sociale dell’individuo; oggi si vuole offrire un'opportunità in più, alle famiglie e alle persone che si sentono partecipi di una natura ricca e per molti aspetti ancora sconosciuta.

U.O.E.I., letteralmente significa Unione Operaia Escursionisti Italiani, bisogna essere uniti per affrontare i problemi, sentirsi sicuri vicino a qualcuno che apprezza e rispetta le nostre idee, è un voler rafforzare un legame di vera amicizia, rivolta a chi opera per un progresso che valorizzi ciò che la montagna offre, per coloro che andando in montagna, apprezzano la natura, la rispettano e trovano un ambiente d'amichevole compagnia.

L’ideale U.O.E.I. è quello d'avvicinare gli Italiani anche da un punto di vista ambientale - naturalistico.

fondat.jpg (7721 bytes)

fondat3.JPG (23371 bytes)

Soci Fondatori dell'Unione Operaia Escursionisti Italiani
Prima escursione monte Tesoro mt. 1600


fondat2.jpg (10962 bytes)

La sezione U.O.E.I. di Pietrasanta è stata fondata nel Giugno del 1922, dallo scultore Alfredo Barsanti in occasione di una memorabile gita sociale sulla Pania della Croce, sotto lo stimolo di molte sezioni che nascevano a Carrara, La Spezia, Livorno.

L’anno successivo fu fondata anche la sezione di Ripa.

Nel 1927 la sezione si sciolse piuttosto che aggregarsi ai gruppi fascisti, rifondandosi successivamente nel 1947 sotto la guida del Cav. Giuseppe Martinelli, rimasto in carica fino al 1976, che con il suo entusiasmo riuscì a riportare nella U.O.E.I. gran parte dei vecchi soci.

La sezione fu attivissima, organizzando raduni nazionali: i più significativi del periodo furono quelli sulle Alpi Apuane, a Pian di Lago ed a Rapallo.

 

Gen. Prospero Deldì
Presidente Nazionale UOEI dal 1949 al 1967

La prima manifestazione interprovinciale della sezione fu nell’estate del 1951, quando fu installata una croce sul Callare del Matanna.

l 19 Agosto del 1956 fu collocata sulla vetta del Monte Pania della Croce una croce di ferro alta 8 metri, portata in spalla fino alla cima e lì imbullonata.

Questo fatto fu importante non soltanto perché fu organizzato contemporaneamente ad un congresso nazionale, ma soprattutto perché si trovò l’occasione d'installare una croce sulla Pania, che, dopo alterne vicende, molte promesse, entusiasmi poi naufragati, permise la realizzazione di un sogno durato 50 anni.

tessera.jpg (30582 bytes)

Una delle prime tessere della sezione U.O.E.I. di Pietrasanta

Già dal 1920, infatti, si pensò di fare della Pania l’altare delle Alpi Apuane.

La prima croce fu di legno, sostituita poco dopo da una di ferro.

Ambedue non resistettero alle intemperie e presto la vetta rimase sguarnita.

Soltanto la volontà, l’organizzazione, quell'unione e operatività fattive, proprie della nostra associazione, hanno permesso di raggiungere quest'ambito traguardo.

 

Nel 1968 fu organizzato dalla sezione il 22° congresso nazionale e l'ottavo  raduno nazionale estivo.

La costruzione del rifugio al Passo delle Radici, inaugurato il 12 Settembre 1971, fu un avvenimento importante che ha permesso una crescita sia culturale sia nel numero dei soci.

La costruzione di questo rifugio risolse un problema sentito allora ed ancora oggi: strappare i giovani dal torpore della noia, da vizi circoscritti nell’ambito della propria città.

Il rifugio fu posto su terreno demaniale, furono realizzate le opere antisismiche perché gli fosse conferita solidità e sicurezza.

Si scelse, dopo un dibattito all’interno della sezione, di potenziare al massimo l’attività sciistica ed il rifugio, appunto, è stato visto non solo come punto di passaggio per gite, ma anche come base per le attività sportive dei soci.

Le gare di sci hanno richiamato molti giovani, facendo capire che, ancora una volta, la sezione ha fatto la scelta giusta.

La sezione è stata sede del segretariato nazionale della nostra U.O.E.I. dal 1961 al 1967 essendo segretario nazionale il Cav. Giuseppe Martinelli presidente della sezione.

Nel 1987 fu organizzata la 40° assemblea delle sezioni ed il 24° raduno estivo.

Un’altra importante occasione in cui risultano evidenti quei sentimenti d'unione ed operatività propri della nostra gente è quella che vede, prima la ristrutturazione, poi l’inaugurazione del rifugio "La Fania" sotto le pendici della Pania, avvenuta nel 1991.

Fu acquistata nel 1956, nei primi anni ‘70 fu eseguito un primo intervento conservativo, nel 1981, confortati dalla notizia che un elicottero poteva trasportare per privati, si decise di dare inizio ai lavori.

Mancavano i soldi, ma c’era molta buona volontà da parte di un piccolo gruppo di soci, tra i quali alcuni appartenenti alla sezione di Ripa, decisi a terminare i lavori sacrificando anche i vincoli familiari.

Ci sono voluti dieci anni.

Noi, nuovi soci, siamo grati a questo piccolo gruppo di persone e cercheremo di continuare, con il loro esempio, la nostra attività.

Fin dal 1993 la sezione propone annualmente a tutte le scuole medie inferiori e superiori, nonché alle scuole elementari del comune di Pietrasanta, e non solo, un programma di gite in montagna, mirate ed a scopo didattico.

L’iniziativa denominata "Scuola Ambiente" si propone di sensibilizzare le giovani generazioni, alle problematiche legate all’ambiente.

Oltre che gite guidate esse sono lezioni all’aperto, intervengono, infatti, biologi, agronomi, geologi e architetti che illustrano, durante il percorso, gli aspetti peculiari d'ogni materia.

Crediamo a quest'iniziativa, c’è bisogno d'avvicinare i giovani alla montagna, dare loro dei valori, come il rispetto, la responsabilità, l’amicizia, il misurarsi nelle loro capacità.

Da molti anni sono organizzate, nel periodo primaverile mostre didattiche, unite a quelle di soci-artisti, che espongono i loro lavori con temi legati all’ambiente.